Fecondazione Assistita

Fecondazione Assistita in Belgio

CHI: il Belgio vanta una lunga tradizione nella Fecondazione Assistita, visto che il primo bambino nato con queste tecniche risale al 1983. Il Belgio ha una Legge moderna: i trattamenti di Fecondazione Assistita sono disponibili non solo alle coppie eterosessuali, sposate o conviventi, ma anche alle donne single e così pure alle coppie di donne, purché conviventi.

COSA: ecco una panoramica della situazione in Belgio per quei trattamenti vietati in Italia.

1- Crioconservazione: è consentita la crioconservazione degli embrioni, anche per creare una riserva futura di fertilità, cosa che è invece vietata in Italia. Dopo 5 anni, gli embrioni vengono distrutti, destinati alla ricerca scientifica o possono essere donati.

2- Diagnosi pre-impianto: La diagnosi pre-impianto è consentita, ma è giustamente vietato ogni suo uso con finalità eugenetiche, ed è vietata anche se mira alla scelta del sesso del bambino.

3- Fecondazione Eterologa: La Fecondazione Eterologa è consentita, sia nella forma della donazione di seme, sia nella forma dell’ovodonazione, sia nella forma della donazione di embrioni, e sempre a titolo gratuito. Di norma, la donazione in Belgio è anonima, ma la legge belga non impone necessariamente l’anonimato.

4- Maternità surrogata: La maternità surrogata (“gestation pour autrui”) è consentita. Dal punto di vista giuridico, la madre surrogata cede i suoi diritti parentali al “padre committente”, la cui moglie a questo punto farà domanda di adozione del bambino del suo coniuge.