Fecondazione Assistita

Presto OK in UK a un donatore esterno

Come già avevamo scritto un anno fa, presto in UK potrebbero nascere bimbi (sani) grazie alla fecondazione assistita usando il materiale genetico di due persone, un uomo e una donna, che saranno i genitori del bambino a tutti gli effetti, e di un terzo donatore, donna, il cui ovulo ovulo servirà per “ripulire” gli errori cellulari del primo nel caso in cui si ritenga che vi siano alte probabilità che porti nei mitocondri delle informazioni genetiche malate.

La metodologia è stata messa a punto da un team di ricercatori dell’Università di Bristol, e nell’attesa del parere positivo definitivo del Parlamento, ha già ricevuto tanto l’ok del comitato etico britannico, quanto parere positivo dell’opinione pubblica, che si è dichiarata in maggioranza favorevole attraverso un sondaggio. Una volta approvata, la fecondazione assistita con tre genitori eviterà a un bambino ogni 6500 nati di dover vivere una vita con gravi malattie genetiche, che vanno da problemi cardiaci e cerebrali, alla distrofia muscolare.

Vale la pena precisare, come hanno già fatto i difensori di questa tecnica, che il bambino nato sarebbe portatore del patrimonio genetico dei suoi genitori, con la sola eccezione del DNA mitocondriale dalla madre, sostituito da quello di una donatrice solo allo scopo di evitare possibili gravi malattie. Il bambino sarebbe in sostanza il “frutto” dei due genitori, poiché le caratteristiche umane sono codificate nel DNA del nucleo della cellula, non nel DNA mitocondriale. Quest’ultimo costituisce meno dell’1% del totale del DNA in una cellula umana.

In Italia nulla di simile sarà consentito, a meno di cambi profondi alla Legge 40.

Sorry, the comment form is closed at this time.