Fecondazione Assistita

Meno carboidrati, maggiori possibilità

Secondo uno studio americano del Delaware Institute for Reproductive Medicine a cui hanno partecipato 120 donne di età media 36 anni, modificare le abitudini alimentari, e in particolare ridurre l’assunzione di carboidrati, potrebbe favorire la probabilità di concepimento attraverso la fecondazione in vitro.

Le diete ricche in carboidrati creano un ambiente chimico ostile all’oocita, prima ancora del suo impianto nell’utero. La presenza di un ambiente fisiologico caratterizzato da livelli elevati di glucosio, come purtroppo è il caso nelle pazienti diabetiche e sovrappeso, è dannoso per le cellule uovo. Leggi tutto.

Sorry, the comment form is closed at this time.