Fecondazione Assistita

Fecondazione Assistita regolata nel Lazio

“Il Lazio non sarà più l’unica Regione italiana senza una disciplina normativa sulla fecondazione assistita”, ha dichiarato Teresa Petrangolini, commentando la notizia della firma, da parte del presidente della Regione Nicola Zingaretti, del decreto che definisce norme, procedure e tempistica per le autorizzazioni e gli accreditamenti delle strutture laziali che operano nel campo della procreazione assistita.

Con questo atto formale inizia un percorso che porterà alla creazione di un sistema basato su norme chiare e trasparenti, a tutela dei cittadini. Faremo chiarezza sui centri privati e valorizzeremo quelli pubblici. Nel rispetto dei parametri indicati nel decreto, le strutture saranno potenziate, con maggiori garanzie di sicurezza per le coppie e minori tempi di attesa, che oggi arrivano fino a tre anni.

Tra un anno, quando il sistema sarà a regime, non vedremo più tante coppie andare fuori regione. Oggi il Lazio paga alle altre Regioni dai 3mila ai 4mila euro a donna per la fecondazione assistita, per non contare i costi in ticket, vitto, viaggio e alloggio a carico dei cittadini. Si tratta di una questione che riguarda tanti cittadini, visto che nel Lazio una coppia su quattro ha problemi di fertilità.

Sorry, the comment form is closed at this time.